Missione Cattolica Italiana Karlsruhe
Missione Cattolica Italiana Karlsruhe

IV QUARESIMA 2021/B "Laetare" Gv 3,14-21

 


   La Parola di oggi viene dal Vangelo di San Giovanni 3,14-21


   "Gesù disse a Nicodemo: “Come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così deve essere innalzato il Figlio dell'uomo, affinché chiunque crede in lui abbia la vita eterna. Perché Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non muoia ma abbia la vita eterna. Perché Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma affinché il mondo potesse essere salvato per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato; e chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell'unigenito Figlio di Dio. E il giudizio è che la luce è venuta nel mondo, ma la gente amava le tenebre piuttosto che la luce, perché le loro azioni erano malvagie. Perché chiunque fa il male odia la luce e non viene alla luce, per timore che le loro azioni siano smascherate. Chi soddisfa i requisiti della verità viene alla luce per mostrare che le sue opere sono state compiute in Dio ".

   C'è la salvezza sulla croce. Guarda Gesù che ci pende. Guarda il suo grande amore. E guarda quanto grande sacrificio ha fatto in nome di questo amore. Stai davanti alla croce con il tuo bagaglio di vita, con tutte le tue sofferenze e preoccupazioni. Chi è per te Gesù sulla croce? Avvicinati a Lui. Stai alla presenza di questo mistero.

   Il peccato dà l'apparenza del piacere. Fare del bene è più difficile. Tuttavia, il bene ha una caratteristica molto interessante: porta luce e pace nelle nostre vite. Qualcosa cambia in noi diametralmente. Gesù lo chiarisce: l'amore delle tenebre viene dal fare cattive azioni. Gesù viene come luce. Guarda quanto è grande la luce Gesù. Lascia che questo bagliore ti illumini.

   Se il male acceca la mente, è difficile vedere il bene in un'altra persona. È difficile vedere quale grande dono sia la sua persona, la sua vita. Gesù ci dà una medicina. Soddisfare le esigenze della verità è seguire Gesù e ascoltare la sua voce. Questa voce, questa luce, questa croce: questo è l'adempimento dei requisiti della verità. È anche necessario che la nostra vita sia posta nelle mani di Gesù. Lui la cambierà e la perfezionerà.

   In un momento di silenzio, guarda la croce. Parla al Signore che ha dato la sua vita per te.

<< Neues Textfeld >>

 XXVIII Domenica del Tempo Ordinario, 11.10.20

 

 

Invitati alle nozze

 

 

   Rievoca il giorno più felice della tua vita. Ricorda la gioia di quel momento e il desiderio di condividere la felicità con il mondo intero.

 

La Parola di oggi viene dal Vangelo di Matteo 22, 1-14

 

In quel tempo, Gesù riprese a parlare con parabole [ai capi dei sacerdoti e ai farisei] e disse: «Il regno dei cieli è simile a un re, che fece una festa di nozze per suo figlio. Egli mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze, ma questi non volevano venire. Mandò di nuovo altri servi con quest'ordine: Dite agli invitati: Ecco, ho preparato il mio pranzo; i miei buoi e gli animali ingrassati sono già uccisi e tutto è pronto; venite alle nozze!. Ma quelli non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari; altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero. Allora il re si indignò: mandò le sue truppe, fece uccidere quegli assassini e diede alle fiamme la loro città. Poi disse ai suoi servi: La festa di nozze è pronta, ma gli invitati non erano degni; andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze. Usciti per le strade, quei servi radunarono tutti quelli che trovarono, cattivi e buoni, e la sala delle nozze si riempì di commensali. Il re entrò per vedere i commensali e lì scorse un uomo che non indossava l'abito nuziale. Gli disse: Amico, come mai sei entrato qui senza l'abito nuziale?. Quello ammutolì. Allora il re ordinò ai servi: Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti. Perché molti sono chiamati, ma pochi eletti».

 

   Dio uno e trino è perfettamente felice e non ha bisogno della creazione per la felicità. L'adorazione e l'amore di un uomo non Gli daranno più gloria. Al contrario, la gloria di Dio è un uomo felice e Dio vuole condividere la sua felicità e gioia con tutta la creazione.

 

   Dio invita tutti a partecipare alla sua vita divina. Lo fa in modi diversi: ammirando la bellezza della natura o dell'arte, commosso da un granello di bontà. Ti incoraggia a scoprire la verità su se stesso e sulla creazione. Ci parla nel linguaggio dell'Amore. Quello quotidiana, nei rapporti stretti e quello eroico, nelle testimonianze dei suoi santi. Pensa come Dio ti invita a una festa d'Amore.

 

   È caratteristico della gioia e della felicità che si moltiplicano quando vengono condivise. Tuttavia, possono essere accettati solo come dono, in piena libertà. Dio ti invita, ma non ti obbliga. Mentre ascolti il ​​Vangelo, pensa, chi sei in questa parabola: Un egoista attaccato ai beni di questo mondo? Un servo sofferente che serve il suo padrone per forza e paura? Oppure l'amico dello sposo, felice della sua felicità?

 

 Signore, ti ringrazio per avermi invitato a partecipare alla tua vita divina.

 

 

 

 

 

XXVII Domenica del Tempo Ordinario (S. Francesco di Assisi), 4.10.20

 

 

DIO TRAE IL BENE ANCHE DAL NOSTRO PECCATO

 

 

Stai per iniziare un momento di riflessione in cui leggerai una storia. Quella che il Signore Gesù disse ai suoi ascoltatori. Come loro, calmati e apriti a ogni parola, ogni immagine, ogni sentimento che sorge.

 

La Parola di oggi viene dal Vangelo di San Matteo (21, 33–43)

 

„In quel tempo, Gesù disse ai capi dei sacerdoti e agli anziani del popolo: «Ascoltate un'altra parabola: c'era un uomo, che possedeva un terreno e vi piantò una vigna. La circondò con una siepe, vi scavò una buca per il torchio e costruì una torre. La diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano. Quando arrivò il tempo di raccogliere i frutti, mandò i suoi servi dai contadini a ritirare il raccolto. Ma i contadini presero i servi e uno lo bastonarono, un altro lo uccisero, un altro lo lapidarono. Mandò di nuovo altri servi, più numerosi dei primi, ma li trattarono allo stesso modo. Da ultimo mandò loro il proprio figlio dicendo: Avranno rispetto per mio figlio!.
Ma i contadini, visto il figlio, dissero tra loro: Costui è l'erede. Su, uccidiamolo e avremo noi la sua eredità!.
Lo presero, lo cacciarono fuori dalla vigna e lo uccisero. Quando verrà dunque il padrone della vigna, che cosa farà a quei contadini?». Gli risposero: «Quei malvagi, li farà morire miseramente e darà in affitto la vigna ad altri contadini, che gli consegneranno i frutti a suo tempo».
E Gesù disse loro: «Non avete mai letto nelle Scritture: La pietra che i costruttori hanno scartato è diventata la pietra d'angolo; questo è stato fatto dal Signore ed è una meraviglia ai nostri occhi?
Perciò io vi dico: a voi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che ne produca i frutti».”

 

 

Cristo ha parlato spesso in parabole per illustrare certi concetti. Di solito, inizialmente essi erano nascosti al pubblico. Quall´è stata la tua sensazione mentre leggevi questo Vangelo?

 

Spesso ci arrabbiamo e agiamo per far arrabbiare gli altri. Vogliamo superarli in astuzia. Il Signore Gesù mostra qui che trae il bene anche dal nostro peccato. Ogni rifiuto è un grido d'amore. Proprio come Dio non ha lasciato prigioniero Israele, non ti abbandonerà. La logica di Dio è diversa. Non è una legge di vendetta, ma una legge d'amore. C'è mai stato un momento nella tua vita in cui Dio ha tirato fuori il bene da alcune delle tue passate debolezze o peccaminosità?

 

La venuta di Cristo è diventata un bene per l'umanità. Dio li ha portati fuori nonostante il suo rifiuto. Ha tirato fuori il bene dalla sua passione salvifica. Tuttavia, siamo invitati ad ascoltare attentamente le leggi della logica di Dio. Sul principio dell'amore che supera tutto. Leggi di nuovo il brano del Vangelo, in modo da capirlo meglio dei farisei.

 

Signore, grazie per il tuo meraviglioso piano d'amore e per aver voluto essere in comunione con me.

XXIX Domenica del Tempo Ordinario, 18.10.20

 

 

 

Fedeltà e rettitudine

 

   Immaginati tra gli ascoltari di Gesù. Guarda come riuscirà ad affrontare le cattive intenzioni degli altri. Chiedi allo Spirito Santo di guidarti oggi in ​​questa meditazione.

 

   La Parola di oggi viene dal Vangelo di San Luca 22, 15-21

   „In quel tempo, i farisei se ne andarono e tennero consiglio per vedere come cogliere in fallo Gesù nei suoi discorsi. Mandarono dunque da lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno. Dunque, di' a noi il tuo parere: è lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?». Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, rispose: «Ipocriti, perché volete mettermi alla prova? Mostratemi la moneta del tributo». Ed essi gli presentarono un denaro. Egli domandò loro: «Questa immagine e l'iscrizione, di chi sono?». Gli risposero: «Di Cesare». Allora disse loro: «Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio».”

 

   Gesù rimproverò i farisei e fece notare i loro difetti più di una volta. Deve essere stato scomodo per loro e potrebbe persino far male. Sebbene le dichiarazioni di Gesù fossero motivate dal benessere degli ascoltatori, non riflettevano, ma coltivavano il desiderio di vendetta. Questo è il motivo per cui vogliono coglierlo in fallo e dimostrare a tutti che ha torto e vuole distrugge solo l'ordine esistente. Ti è capitato mai che le tue cattive intenzioni sono state svelate? Come hai reagito?

 

   Gesù ha saputo sfruttare anche la difficile situazione dell'inganno per parlare delle cose più importanti. Non interferisce nell'ordine mondiale esistente, ma segue la domanda dei farisei. Ci ricorda di ripagare a Dio ciò che gli è dovuto, senza ignorare la tassa. Ti ricordi e ti ringrazi ogni giorno per tutto ciò che è un dono di Dio?

 

   Gesù si sollevò al di sopra degli attacchi dei suoi avversari e diede un'altra importante lezione su come agire. La tua vita è il dono più prezioso. Mentre leggi il ​​testo del Vangelo, medita su cosa significa dare a Dio la sua proprietà.

 

   Infine, puoi pregare per una vita fedele a Dio in ogni situazione. In modo che tu possa resistere alla tentazione e agli attacchi del maligno.

 

 

 

 

Santissima Trinità - Gv 3,16-18

07.06.2020

 

 

 

"IMMENSO AMORE DI DIO -

UNA RELAZIONE D´AMORE"

 

Chiedi allo Spirito Santo di aprire il tuo cuore per incontrare la Parola. Lascia che questo incontro rafforzi la tua fede.

 

La Parola di oggi viene dal Vangelo di San Giovanni Gv 3.16-18

"Gesù disse a Nicodemo: "Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. Perché Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma per salvare il mondo attraverso di lui. Chiunque crede in lui non è condannato; e chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome del Figlio unigenito di Dio ".

 

Prova a pensare a qualcuno molto vicino a te, a qualcuno che ami. Se una persona del genere ti chiedesse qualcosa di cui ha bisogno, saresti in grado di rifiutarla? Preferiresti dedicare a questa persona il tuo tempo senza esitazioni e vorresti soddisfare le sue necessità? Pensa al perché sia ​​così.

 

Ascoltando il Vangelo, possiamo vedere che Gesù inizia la sua affermazione enfatizzando l'amore di Dio per noi. Quindi pensa se il Padre che ama soddisferà i bisogni di suo figlio? Pensa ai tuoi desideri più intimi. Cosa stai chiedendo a Dio nel tuo cuore?

 

Gesù mostra che il vero amore richiede fede. Viene e vuole essere il tuo Salvatore e Signore, ma allo stesso tempo non viola il tuo libero arbitrio. Hai una scelta e spetta a te se ti apri ai doni che ha preparato per te. Rileggendo di nuovo il Vangelo, pensa a quanto sei amato da Dio che ha mandato suo Figlio per te.

 

Chiedi a Gesù di aprire il tuo cuore all'amore che ha per te e di rafforzare così la tua fede.

 

VII Domenica di Pasqua - Gv 17, 1-11

24.05.2020

 

 

 

"CONOSCERE L'UNICO VERO DIO E COLUI CHE EGLI HA MANDATO -

QUESTA E' LA VITA ETERNA"

 

Il Vangelo di oggi viente tratto dal Vangelo secondo Giovanni cap. 17.

 

"Così parlò Gesù. Quindi, alzati gli occhi al cielo, disse: «Padre, è giunta l'ora, glorifica il Figlio tuo, perché il Figlio glorifichi te. 2.Poiché tu gli hai dato potere sopra ogni essere umano, perché egli dia la vita eterna a tutti coloro che gli hai dato. 3.Questa è la vita eterna: che conoscano te, l'unico vero Dio, e colui che hai mandato, Gesù Cristo. 4.Io ti ho glorificato sopra la terra, compiendo l'opera che mi hai dato da fare. 5.E ora, Padre, glorificami davanti a te, con quella gloria che avevo presso di te prima che il mondo fosse. 6.Ho fatto conoscere il tuo nome agli uomini che mi hai dato dal mondo. Erano tuoi e li hai dati a me ed essi hanno osservato la tua parola. 7.Ora essi sanno che tutte le cose che mi hai dato vengono da te, 8.perché le parole che hai dato a me io le ho date a loro; essi le hanno accolte e sanno veramente che sono uscito da te e hanno creduto che tu mi hai mandato. 9.Io prego per loro; non prego per il mondo, ma per coloro che mi hai dato, perché sono tuoi. 10.Tutte le cose mie sono tue e tutte le cose tue sono mie, e io sono glorificato in loro. 11.Io non sono più nel mondo; essi invece sono nel mondo, e io vengo a te. Padre santo, custodisci nel tuo nome coloro che mi hai dato, perché siano una cosa sola, come noi."
Vangelo secondo Giovanni, 17 - Bíblia Católica Online

 

Tra i due lunghi discorsi dell'addio e il racconto della passione, Giovanni inserisce una solenne preghiera di Gesù al Padre. Questa preghiera è stata chiamata "sacerdotale" perché presenta Gesù come il sommo sacerdote che intercede per i suoi fratelli (1Gv 2,1-2; Rm 8,34; Eb 4,15; 7,25).

Ciò nonostante, la preghiera di Gesù è segnata profondamente dallo scoccare della sua "ora" (v.1): la glorificazione del Figlio, la protezione paterna dei discepoli e l'unità dei credenti.

Gesù chiede al Padre di glorificare il Figlio suo perché l'"ora" è giunta, ossia è già iniziata la parte finale della sua vita, nella quale egli è glorificato con la sua passione, morte e risurrezione.

In questo testo si afferma che è il Padre l'autore di questa glorificazione e che la glorificazione del Figlio è contemporaneamente la glorificazione del Padre. Gesù glorifica il Padre compiendo l'opera di rivelazione e di salvezza affidatagli dal Padre. Ha ricevuto la missione di donare la vita eterna a tutti gli uomini che vorranno diventare suoi discepoli.

Nel v.3 è proclamato in che cosa consista la vita eterna: nel conoscere l'unico vero Dio e colui che egli ha mandato, Gesù Cristo. Questa conoscenza deve essere intesa in senso biblico, come sinonimo di comunione vitale, intima, profonda. La vita eterna consiste nella comunione con il Padre e con il Figlio suo.

Dal v. 6 in avanti Gesù parla degli uomini che il Padre gli ha dato dal mondo. I discepoli sono uno dei doni più preziosi concessi da Dio a suo Figlio; essi sono proprietà del Padre, ma sono stati dati a Gesù. A questi amici il Cristo ha rivelato il nome del Padre e continuerà a manifestarlo affinché il suo amore sia in essi (Gv 17,26). Il Figlio è la manifestazione dell'amore di Dio per l'umanità (Gv 3,16). Il nome del Padre indica la persona di Dio in quanto Padre, che è la fonte della vita divina del Figlio.

Dinanzi alla manifestazione di Dio come Padre, i discepoli hanno reagito custodendo la sua parola, cioè credendo in modo concreto e dimostrando di amare seriamente il Padre. Gesù ha ricevuto tutto in dono dal Padre e ha donato tutto ai discepoli. La fede dei discepoli ha per oggetto anche l'origine divina di Gesù mandato dal Padre: essi hanno creduto che egli è uscito dal Padre ed è stato inviato da lui (v.8).

Gesù precisa che la sua preghiera è per i credenti e non per il mondo tenebroso, perché esso si esclude da solo dalla vita e dalla salvezza rifiutando volontariamente la rivelazione del Figlio di Dio. Gesù non prega per il mondo, inteso come la personificazione delle potenze occulte del male che lottano contro il Padre e contro il suo Inviato.

Egli prega invece per i suoi, perché li ama di un amore fortissimo e concreto (Gv 13,1). Li affida al Padre affinché li custodisca nel suo nome, perché sono sua proprietà: il Padre e il Figlio hanno tutto in comune.

Come il Padre è glorificato nel Figlio (Gv 13, 31-32; 14, 13), così il Figlio è glorificato nei discepoli (Gv 17,10) attraverso la loro testimonianza, resa possibile dall'azione dello Spirito Santo nel loro cuore (Gv 15,26-27). In questo modo Gesù sarà glorificato dallo Spirito della verità (Gv 16,14).

Gesù rivolge la sua preghiera al Padre a favore degli amici che rimangono nel mondo mentre egli torna al Padre. L'espressione "Padre santo" è esclusiva di questa preghiera sacerdotale e indica la trascendenza increata di Dio, la sua essenza, la sua maestà rivelata nella gloria. Il nome santo del Padre "è come un tempio, come un luogo nel quale Gesù domanda che i credenti siano custoditi" (De La Potterie). Con tale protezione Dio si manifesta come Padre e si fa conoscere come il Santo, il Dio trascendente e onnipotente.

 

Foto/fonte: pinterest.com

 

VI Domenica di Pasqua - Gv 14, 15-21

17.05.2020

 

GUIDATI DALLO SPIRITO,

TESTIMONI DI GESU'

 

Gesù, lasciando questo mondo, disse ai suoi discepoli che non si sarebbe dimenticato di loro. All'inizio di questa riflessione, renditi conto che proprio ora Gesù ti sta pensando e vuole trasmettere qualcosa di speciale per te.

 

La Parola di oggi viene dal Vangelo di San Giovanni, CAPITOLO 14:

15 Se mi amate, osserverete i miei comandamenti. 16 Io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Consolatore perché rimanga con voi per sempre, 17 lo Spirito di verità che il mondo non può ricevere, perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete, perché egli dimora presso di voi e sarà in voi. 18 Non vi lascerò orfani, ritornerò da voi. 19 Ancora un poco e il mondo non mi vedrà più; voi invece mi vedrete, perché io vivo e voi vivrete. 20 In quel giorno voi saprete che io sono nel Padre e voi in me e io in voi. 21 Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi mi ama. Chi mi ama sarà amato dal Padre mio e anch'io lo amerò e mi manifesterò a lui».

 

   Nel mondo moderno, in cui domina la lotta per l'arricchimento, è difficile sentire la verità. La verità su un ambiente inquinato, sul cibo pieno di ingredienti chimici, sulle guerre, sul dramma delle vittime della pornografia e dei loro cari, sulla povertà: è scomodo e spesso viene respinta. Anche la verità su noi stessi, che Dio mostra spesso nelle situazioni della vita, di solito non è accettata. Anche la verità sul vero volto di Dio - un Padre che perdona e che è interessato ai suoi figli è ancora da scoprire. Spesso giriamo la testa. Ma tu, parli con Dio degli eventi quotidiani?

 

   Se una persona non prende la mentalità di un figlio di Dio, vive in un atteggiamento orfano. È l'atteggiamento di una persona che persiste in un senso di rifiuto. Non è consapevole di essere circondata dalla cura di Dio, non vede ciò che ha, ma è concentrata su ciò che non possiede e su ciò che gli altri possiedono. Non si fida di Dio, ma è cauta, convinta che deve prendersi cura di se stessa. La mancanza di relazione con Dio significa che non ama se stesso, non trasmette amore agli altri, ma vuole ossessivamente la sua prova dall'esterno. Quale atteggiamento osservi in ​​te stesso?

 

   Un'espressione specifica dell'amore per Dio, ma anche un modo per conoscerlo, è ascoltare le parole che Cristo ci ha dato. Il contatto con Lui può trasformarci in persone soddisfatte, non nevrotiche ma amorevoli. Ascolta di nuovo le parole di Gesù. Cosa ti offre?

 

   Dio Padre, fammi conoscere me stesso e amarti come Tuo figlio, Tua figlia.

 

"Rendete ragione della speranza che è in voi"

                                                                                                          1Pt 3, 15

 

Foto/fonte: notiziaoggi.it

 

 

 

 

 

 

V Domenica di Pasqua - Gv 14,1-12

10.05.2020

 

NON SIA TURBATO IL VOSTRO CUORE

 

Nel brano di oggi, tratto dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12), Gesù parla apertamente con gli apostoli di questioni difficili e incomprensibili per loro. Comincia questa conversazione con le parole: "Non sia turbato il vostro cuore.". Cerca di rilassarti e apri il tuo cuore a ciò che dice Gesù. Forse una delle sue parole ti commuoverà particolarmente.

 

1 «Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. 2 Nella casa del Padre mio vi sono molti posti. Se no, ve l'avrei detto. Io vado a prepararvi un posto; 3 quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, ritornerò e vi prenderò con me, perché siate anche voi dove sono io. 4 E del luogo dove io vado, voi conoscete la via».
5 Gli disse Tommaso: «Signore, non sappiamo dove vai e come possiamo conoscere la via?». 6 Gli disse Gesù: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. 7 Se conoscete me, conoscerete anche il Padre: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto». 8 Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta». 9 Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me ha visto il Padre. Come puoi dire: Mostraci il Padre? 10 Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me; ma il Padre che è con me compie le sue opere. 11 Credetemi: io sono nel Padre e il Padre è in me; se non altro, credetelo per le opere stesse.
12 In verità, in verità vi dico: anche chi crede in me, compirà le opere che io compio e ne farà di più grandi, perché io vado al Padre.

 

Una casa, un appartamento è un posto da dove esci per andare al lavoro, a scuola, all'università o ad altre attività quotidiane ogni giorno. Ma anche un posto dove torni. Quanto è importante per te la tua casa? È un posto dove torni con gioia, sperando di riposare o con paura di ciò che troverai in esso? Gesù assicura che c'è un posto per tutti nella casa del Padre. Quando verrà il momento, lo preparerà anche per te e ti aspetterà lì.

 

Gesù dice che è la via, la verità e la vita. Queste sono parole come i segnali stradali. Definisce chiaramente la direzione della vita di ciascuno di noi. Per raggiungere la casa del Padre, devi essere sempre con Gesù. Lui mostra ciò che è veramente importante, quali scelte sono da fare, affinché la vita senso e valore. Lui stesso è il cibo che dà forza per perseverare in questo modo. Come rispondi alle parole di Gesù?

 

Le parole di Gesù non sono facili, gli apostoli non le capirono. Ma per noi, le persone che vivono più di venti secoli dopo, queste parole sono molto difficili. Forse vuoi anche capire tutto, spiegarlo e hai un problema ad accettare le parole di Gesù, perché richiedono affidamento, accettazione con il cuore. Rileggendo le parole del Vangelo, presta ancora una volta attenzione a quelle parole del Salvatore che sono particolarmente difficili da accettare per te.

 

 

 

 

 

IV Domenica di Pasqua - Domenica del Buon Pastore (Gv 10,1-10)

03.05.2020

 

 

  Immagina un gregge di pecore in una fattoria dove entra un pastore. Apre il cancello per condurli al pascolo.

 

1 «In verità, in verità vi dico: chi non entra nel recinto delle pecore per la porta, ma vi sale da un'altra parte, è un ladro e un brigante. 2 Chi invece entra per la porta, è il pastore delle pecore. 3 Il guardiano gli apre e le pecore ascoltano la sua voce: egli chiama le sue pecore una per una e le conduce fuori. 4 E quando ha condotto fuori tutte le sue pecore, cammina innanzi a loro, e le pecore lo seguono, perché conoscono la sua voce. 5 Un estraneo invece non lo seguiranno, ma fuggiranno via da lui, perché non conoscono la voce degli estranei». 6 Questa similitudine disse loro Gesù; ma essi non capirono che cosa significava ciò che diceva loro.
7 Allora Gesù disse loro di nuovo: «In verità, in verità vi dico: io sono la porta delle pecore. 8 Tutti coloro che sono venuti prima di me, sono ladri e briganti; ma le pecore non li hanno ascoltati. 9 Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvo; entrerà e uscirà e troverà pascolo. 10 Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; io sono venuto perché abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza.

 

   Per entrare nel recinto delle pecore, il pastore passa attraverso il cancello. Che cos'è un "cancello" per te? Certamente è semplicemente qualcosa attraverso quale si entra o si esce da un'area. Ma per te forse è una rntrata nell'ipocrisia e nell'oscurità del tuo cuore o un'uscita da una situazione difficile, dall'auto-chiusura. Entri nella tomba o esci e risorgi. Qui ci viene in mente la bellissima scena del Vangelo di Luca 7, 11-17. Portano via dal paese, fuori dalle mura, attraverso la porta, un figlio morto; Gesù in questo momento entra nella città attraverso la stessa porta è fa risorgere il giovane.

 

   Ogni pecora ha il suo percorso, i suoi problemi. Tuttavia, se una di loro viene ferita, Gesù cura la ferita. Se si sporca, la pulisce immediatamente. Lui è premuroso, gentile, fedele ... Questo è l'atteggiamento di Gesù. L'opposto è l'atteggiamento di un mercenario che non si preoccupa delle pecore, non le ama e non le vuole incontrare. Non è sensibile alle loro condizioni, conta solo il profitto per lui. Quale di questi atteggiamenti ti caratterizza di più?

 

   Gesù dice che è una porta aperta perché tu possa fare solo il primo passo. Vuole illuminare il cammino della tua vita per condurti al Padre. Forse oggi, ora, farai questo primo passo per incontrare Dio?

 

Don Waldemar, Ettlingen 03.05.2020.

 

P.s.

   Domenica prossima (salvo imprevisti) riprenderemo la celebrazione della Santa Messa. Come sarebbe bello farlo oggi (Domenica del Buon Pastore, Domenica della Porte, Gesù è la porta del Celo), che dopo due mesi delle porte chiuse delle nostre chiese, possiamo finalmente entrare dietro il Pastore che apre la porta del ovile per trovaci al sicuro, coccolati, curati, sfamati ed amati. Spero che questo periodo di obligatorio sostare fuori dell'ovile, periodo quando ci siamo sentiti e tutt'ora ci sentiamo smarriti, impauriti, come peccore senza pastore ci ha fatto capire quanto è importante l'ovile (la Chiesa) e il Pastore (Gesù Cristo rappresentato dal sacerdote).

 

Gesù, Porta che conduce al regno di Dio, aiutami a venire da Te.

Foto/fonte:

 https://orthodoxwiki.org/

https://pxhere.com/pl/photo/586884

 

 

 

 

 

 

III Domenica di Pasqua - Discepoli di Emmaus

I DISCEPOLI DI EMMAUS - Incontrare il Risorto sulla via del fallimento.

 

 

 

Cari Amici,

   vi propongo oggi una breve riflessione sul brano del Vangelo della terza Domenica di Pasqua, tra l'altro uno dei miei preferiti.

   Scoraggiamento, tristezza o delusione sono sentimenti che compaiono nella vita di tutti noi. Proprio in una situazione così senza speranza entra Gesù, che nel testo del Vangelo di Luca, al capito 24,  incontra due discepoli che vanno a Emmaus:

   

"13 Ed ecco in quello stesso giorno due di loro erano in cammino per un villaggio distante circa sette miglia da Gerusalemme, di nome Emmaus, 14 e conversavano di tutto quello che era accaduto. 15 Mentre discorrevano e discutevano insieme, Gesù in persona si accostò e camminava con loro. 16 Ma i loro occhi erano incapaci di riconoscerlo. 17 Ed egli disse loro: «Che sono questi discorsi che state facendo fra voi durante il cammino?». Si fermarono, col volto triste; 18 uno di loro, di nome Clèopa, gli disse: «Tu solo sei così forestiero in Gerusalemme da non sapere ciò che vi è accaduto in questi giorni?». 19 Domandò: «Che cosa?». Gli risposero: «Tutto ciò che riguarda Gesù Nazareno, che fu profeta potente in opere e in parole, davanti a Dio e a tutto il popolo; 20 come i sommi sacerdoti e i nostri capi lo hanno consegnato per farlo condannare a morte e poi l'hanno crocifisso. 21 Noi speravamo che fosse lui a liberare Israele; con tutto ciò son passati tre giorni da quando queste cose sono accadute. 22 Ma alcune donne, delle nostre, ci hanno sconvolti; recatesi al mattino al sepolcro 23 e non avendo trovato il suo corpo, son venute a dirci di aver avuto anche una visione di angeli, i quali affermano che egli è vivo. 24 Alcuni dei nostri sono andati al sepolcro e hanno trovato come avevan detto le donne, ma lui non l'hanno visto».

25 Ed egli disse loro: «Sciocchi e tardi di cuore nel credere alla parola dei profeti! 26 Non bisognava che il Cristo sopportasse queste sofferenze per entrare nella sua gloria?». 27 E cominciando da Mosè e da tutti i profeti spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui. 28 Quando furon vicini al villaggio dove erano diretti, egli fece come se dovesse andare più lontano. 29 Ma essi insistettero: «Resta con noi perché si fa sera e il giorno gia volge al declino». Egli entrò per rimanere con loro. 30 Quando fu a tavola con loro, prese il pane, disse la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. 31 Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. Ma lui sparì dalla loro vista. 32 Ed essi si dissero l'un l'altro: «Non ci ardeva forse il cuore nel petto mentre conversava con noi lungo il cammino, quando ci spiegava le Scritture?». 33 E partirono senz'indugio e fecero ritorno a Gerusalemme, dove trovarono riuniti gli Undici e gli altri che erano con loro, 34 i quali dicevano: «Davvero il Signore è risorto ed è apparso a Simone». 35 Essi poi riferirono ciò che era accaduto lungo la via e come l'avevano riconosciuto nello spezzare il pane."

 

   In questo testo incontriamo due discepoli tristi che, delusi dopo la morte di Cristo, non sono in grado di ritrovarsi nella nuova situazione e partono per Emmaus. Persi e concentrati sulla loro sventura, non possono vedere le azioni di Dio in ciò che accade loro. Come reagisci alla tristezza causata dalla mancanza di attuazione dei tuoi piani? Su cosa ti concentri in questa situazione?

   Gesù risorto si mette in cammino con i suoi discepoli anche se lo hanno abbandonato. Indipendentemente dalla loro grande delusione e confusione, entra nel loro dramma impegnandosi in una conversazione. Un normale scambio di opinioni in occasione di un viaggio congiunto porta i discepoli a cambiare opinione. Quanto sei aperto a ciò che ti sta accadendo? Come leggi il Risorto nelle Scritture e come fai nella tua vita?

   I discepoli, commossi dalla qualità dell'incontro che si è svolto sulla strada, hanno cercato di fermare questo momento (vedi Gesù con i discepoli su monte Tabor: "E' bello per noi Signore stare qui. Mettiamo tre tende, una per Te una per Mosè ed una per Elia"). Erano pronti a forzare lo straniero incontrato a rimanere con loro più a lungo. Fu solo quando lo sconosciuto spezzava il pane che lo riconobbero come Gesù risorto. Questa esperienza ha cambiato così tanto il loro cuore che sono immediatamente tornati a Gerusalemme (la sedia ribaltata e il la tavola apparecchiata del quadro sopra) e hanno proclamato agli altri quello che era successo a loro.

   Ringrazia Gesù per i diversi sentimenti ed emozioni che ti accompagnano ogni giorno e per il fatto che sia presente in tutto questo. "Hanno occhi e non vedono, hanno orecchie e non sentono"

Buona Domenica!!!

 

Don Waldemar

Ettlingen, 26.04.2020

 

 

 

 

 

 

 

II Domenica di Pasqua- Domenica della Misericordia (In Albis )

La Domenica della DIVINA MISERICORDIA

 

Cari Amici,

   da vent'anni nella seconda Domenica di Pasqua, detta anche IN ALBIS, celebriamo la DIVINA MISERICORDIA. La festa voluta da nostro Signore Gesù Cristo apparso a Faustyna Kowalska.

   In questo periodo di crisi, legato alla pandemia del Corona-virus rivolgiamo i nostri occhi e sopratutto i nostri cuori verso Padre Misericordioso, chiedendo l'aiuto e misericordia. Lui c'è li da, senza farci la predica o chiedendo la penitenza, anche se è giusto farla, ma la decisione deve venire dal profondo del nostro cuore contrito (vedi figlio prodigo). Unica cosa che il Signore si aspetta da noi è  che riconosciamo il nostro peccato: "Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio». Ma il padre disse ai servi: «Presto, portate qui il vestito più bello e fateglielo indossare, mettetegli l'anello al dito e i sandali ai piedi. Prendete il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato". Come'è difficile per noi oggi ammetere che abbiamo peccato. Il nostro orgoglio non c'è lo permette. E' come posso andare da Dio a chiedere misericordia, a chiedere aiuto se non ho riconosciuto che ho peccato contro di Lui e contro il fratello!? Ma che peccato ho fatto? "Chi è senza peccato scagli la prima pietra...", e ancora "Se diciamo che siamo senza peccato, inganniamo noi stessi e la verità non è in noi. Se riconosciamo i nostri peccati, egli che è fedele e giusto ci perdonerà i peccati e ci purificherà da ogni colpa. Se diciamo che non abbiamo peccato, facciamo di lui un bugiardo e la sua parola non è in noi."

   Auguro che la festa odierna dia a ciascuno il coraggio di tornare veramente dal Padre con il cuore sincero, contrito e fermo, e non solo gridare aiuto nel momento di pericolo, quando la nostra essistenza terrena è incerta, per tornare poi sui propri passi quando il pericolo è cessato. "..chi vorrà salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia e del vangelo, la salverà. Che giova infatti all'uomo guadagnare il mondo intero, se poi perde la propria anima?  E che cosa potrebbe mai dare un uomo in cambio della propria anima?" La nostra patria è nel Cielo.

 

Don Waldemar

Ettlingen, 19.04.2020

 

 

   Qui sotto troviamo il link della Vaticannews, intitolato "Francesco, Karol e la Divina Misericordia: per chi soffre "in questo tempo difficile".

https://www.vaticannews.va/it/papa/news/2020-04/papa-francesco-giovanni-paolo-divina-misericordia-festa-faustina.html

 

Il Diario di Faustina Kowalska. Puoi consultarlo on-line oppure scaricare in pdf.

http://www.reginamundi.info/Divina-Misericordia/Diario-Suor-Faustina.asp

 

Come si recita la Coroncina della Divina Misericordia

http://www.preghiamo.org/corona-divina-misericordia.php

 

 

 

 

 

 

 

Domenica di PASQUA

 

 

CRISTO E' RISORTO!!! ALLELUIA!!!

DAVVERO E' RISORTO!!! ALLELUIA!

 

Cari Amici,

   vi saluto con questo antico saluto dei Cristiani, nel Giorno più bello dell'anno. Nel Giorno nel quale Cristo ha vinto la "buona battaglia" sconfiggendo la morte. Lui che nell'Orto del Getsemani ha grondato sangue per paura di affrontare il supplizio della croce, ha avuto sempre la fede nel Padre che lo salverà. Anche noi in questo periodo viviamo il proprio "Getsemani". Tanti nostri fratelli e sorelle in modo molto forte. Guardiamo Gesù è chiediamogli: "Signore accresci la mia fede". Lui che è stato affianco a noi quando eravamo belli, giovani, sani e pieni di forza, non ci abbandona adesso, quando di tutto ciò è rimasto solo "e". Lui è fedele alla sua promessa. Solo noi, nella paura e nella sofferenza non ci accorgiamo della sua presenza, sileziosa ma operosa di un Padre, che non si dimentica mai dei suoi figli e gridiamo: "Dio mio, Dio mio perchè mi hai abbandonato?" Lui è "Via, Verità e Vita". Lui ha sconfitto il mondo. E Lui oggi ci dice: "Non temere piccola gregge". E ancora: "Credi? Si Signore. Credo! Va la tua fede ti ha salvato."

   Vi auguro che possiate vivere con gioia questa particolare Pasqua del Nostro Signore Gesù Cristo. Tante volte lontani fisicamente dai propri cari, ma in spirito penso ancora più vicini che mai.

  Durante la Santa Messa della Domenica di Pasqua, che celebrerò in forma privata nella mia casa, diventata anche la piccola cappella, presenterò tutti voi e tutti vostri cari a Dio Padre Onnipotente.

   Prima di augurarvi una Santa Pasqua, voglio citare la SEQUENZA dalla Liturgia della Domenica di Pasqua, che per me è uno dei più bei testi liturgici:

 

   Alla vittima pasquale s'innalzi oggi il sacrificio di lode. L'agnello ha redento il suo gregge, l'innocente ha riconciliato noi peccatori con il Padre.

Morte e vita si sono affrontate in un prodigioso duello. Il Signore della vita era morto: ma ora, vivo, trionfa.

   "Raccontaci, Maria: che hai visto sulla via"? "La tomba del Cristo vivente, la gloria del Cristo risorto, e gli angeli suoi testimoni, il sudario e le sue vesti. Cristo, mia speranza, è risorto; e vi precede in Galilea".

   Sì, ne siamo certi: Cristo è davvero risorto. Tu, Re vittorioso, abbi pietà di noi.

 

NON ABBIATE PAURA, IL SIGNORE E' RISORTO!

 

BUONA PASQUA!

 

Don Waldemar

 

Ettlingen, Pasqua del Signore Gesù Cristo, 12 aprile 2020.

 

 

 

 

 

WetterOnline
Das Wetter für
Ettlingen
mehr auf wetteronline.de
Druckversion Druckversion | Sitemap
© Italienische Katholische Mission Karlsruhe